Logo WeWelfareLogo WeWelfare
HomepageServiziCome funzionaNews
Apri il menu

Come abbassare valore modello ISEE?

Scopri come diminuire il tuo valore ISEE utilizzando 3 semplici metodi

Francesca Rizzi

Pubblicato il 13 settembre 2023

Condividi su

Hai mai sentito parlare di ISEE?

Hai mai redatto questo modello?

Il modello 'ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente), è definito come lo strumento che viene concretamente utilizzato da numerosi enti pubblici e privati con l’obiettivo di andare ad analizzare e approfondire valutare la situazione economica delle famiglie che intendono richiedere una prestazione sociale agevolata (prestazione o riduzione del costo del servizio).

Seguici su Instagram, Facebook e TikTok per scoprire ogni giorno tutte le novità riguardanti bonus, pensioni, invalidità civile e lavoro. Inizia a seguire il nostro podcast su Spotify, Amazon Music, Samsung Podcast e Apple Podcast per non perdere le interviste settimanali con personaggi autorevoli che parleranno di pensioni, bonus, invalidità civile e lavoro. Guarda le nostre video guide gratuite sul nostro canale YouTube.

Qualora si abbia un ISEE compreso tra i 5 e i 20 mila euro risulta possibile provare ad abbassare la soglia personale al fine di ottenere, in modo effettivo, più bonus e agevolazioni.

All’interno di questo articolo andremo ad approfondire:

  • Che cos’è il modello ISEE
  • A cosa serve il modello ISEE
  • Come è possibile abbassare il proprio modello ISEE

Che cos'è e a cosa serve il modello ISEE?

Lo Stato ha il compito di supportare le famiglie, con particolare riferimento a quelle che si trovano in una condizione di difficoltà.

A tal fine emerge come sempre di più le famiglie, in generale, si trovino in una condizione in cui hanno concretamente a disposizione una serie di opportunità per riuscire ad ottimizzare il loro bilancio familiare per mezzo del riconoscimento del diritto a godere di prestazioni sociali agevolate.

Sulla base di questi presupposti emerge che l’'accesso a queste prestazioni non è immediato, ma risulta essere direttamente connesso alla titolarità di determinati requisiti soggettivi e alla situazione economica della famiglia.

L’ISEE o Indicatore della situazione economica familiare, istituito nel 1998, è lo strumento atto a verificare se una famiglia o un singolo soggetto abbia diritto di accedere al bonus o agevolazione. Il modello ISEE è, quindi, necessario per valutare la titolarità al diritto ad agevolazioni e prestazioni assistenziali.

Possiamo definire l'ISEE come l'indicatore atto a valutare e confrontare la situazione economica dei nuclei familiari che intendono richiedere una prestazione sociale agevolata. L'accesso a queste prestazioni come ai servizi di pubblica utilità a condizioni agevolate (telefono fisso, luce, gas, ecc.) è legato al possesso di determinati requisiti soggettivi e alla situazione economica della famiglia.

A titolo generale coloro che sono in possesso di un ISEE basso hanno l’opportunità di accedere a tutta una serie di sostegni introdotti dallo stato, come sussidi di tipo economico aggiuntivi al reddito, oppure bonus particolari o agevolazioni introdotte con le diverse manovre dei governi.

La sua computazione si basa su due componenti: redditi e patrimonio, che vengono poi rapportati al numero dei soggetti che fanno parte dello stesso nucleo familiare. A tal fine l’ISEE si calcola sulla base dei dati indicati nella Dsu, Dichiarazione Sostitutiva Unica, tra redditi e tutti i patrimoni, beni mobiliari e immobiliari, in possesso di ogni componente del nucleo familiare.

Come posso abbassare il mio modello ISEE?

Come abbiamo visto sopra minore è il proprio ISEE maggiori sono le agevolazioni a cui è possibile accedere. Proprio per questo motivo esistono alcune soluzioni atte ad abbassare il proprio valore Isee e usufruire così di maggiori agevolazioni.

Nello specifico è possibile:

  • Abbassare Isee tra i 5-20mila euro con ISEE corrente per avere più agevolazioni e bonus 2023
  • Abbassare Isee 5-20mila euro con nuova residenza e avere più bonus
  • Abbassare Isee tra i 15-40mila euro avvalendosi di un immobile di proprietà

Abbassare Isee tra i 5-20mila euro con Isee corrente per avere più agevolazioni e bonus 2023

La presentazione dell’ISEE corrente rappresenta un mezzo per poter abbassare l’ISEE nel caso in cui questo sia compreso tra i 5 e i 20 mila euro.

L’ISEE corrente non è presentabile in tutti i casi, ma esistono delle fattispecie ben definite rappresentate da importanti variazioni reddituali rispetto a quanto dichiarato nell’Isee Ordinario che, invece, era stato presentato inizio anno.

La differenza tra ISEE corrente e ISEE ordinario risiede nel fatto che il primo rispecchia solo i redditi percepiti negli ultimi mesi andando, quindi, a sottolineare una possibile variazione o perdita del lavoro o l’esaurimento di un sussidio percepito per abbassare l’ISEE e accedere a più benefici fiscali.

I casi in cui l’ISEE corrente può essere presentato per abbassare l’ISEE ordinario sono:

  • se si verifica una variazione della situazione patrimoniale del nucleo familiare;
  • se si verifica un cambiamento della situazione reddituale superiore al 25% rispetto alla situazione reddituale calcolata nell’Isee ordinario;
  • se un lavoratore dipendente con contratto di lavoro a tempo determinato o indeterminato perde il posto o subisce una riduzione o sospensione del lavoro; 
  • se un lavoratore autonomo appartenente al nucleo familiare cessa la propria attività;
  • se uno o più membri del nucleo familiare perdono trattamenti assistenziali o previdenziali o eventuali altre indennità percepite.

Questo significa che l’ISEE corrente viene presentato solo qualora si ravvisi un peggioramento delle situazioni economiche familiari.

Come abbassare Isee 5-20mila euro con nuova residenza

Il cambiamento della residenza, con la modifica della composizione del nucleo familiare, si va a connotare come un’ulteriore soluzione atta ad abbassare un ISEE ordinario compreso tra i 5 e i 20 mila euro.

Nel momento in cui un membro del nucleo familiare che percepisce un reddito esce dal nucleo familiare di origine cambiando residenza significa che per il calcolo dell’ISEE il reddito di questo soggetto viene escluso andando a abbassare l’ISEE familiare. Questo abbassamento dell’ISEE comporta la possibilità di accedere a maggiori bonus e agevolazioni che altrimenti non potrebbe avere.

Allo stesso tempo godrà del beneficio anche il singolo membro della famiglia che cambia residenza che avrà un ISEE proprio che gli darà diritto ad avere maggiori agevolazioni rispetto a quelle spettanti quando ancora nel nucleo familiare di origine.

Come usare immobile di proprietà nel 2023 per abbassare Isee tra i 5-20mila euro

Una ulteriore possibilità per abbassare l’ISEE compreso tra i 5 e i 20 mila euro è il possesso di un immobile di proprietà oltre la prima casa adibita ad abitazione principale. Per abbassare l’Isee è possibile dare una casa di proprietà in usufrutto e riuscire così ad ottenere maggiori agevolazioni e bonus. 

Si chiarisce che gli immobili di proprietà rientrano nel patrimonio immobiliare che si considera ai fini del calcolo ISEE e questo aumenta il valore. Attraverso l’usufrutto si abbassa l’ISEE. In questo modo si può accedere a maggiori bonus e agevolazioni

Scopri il nuovo modo di poter accedere a tutti i servizi di Caf e Patronato di uno sportello fisico direttamente da casa e senza code.
Scopri il nuovo modo di poter accedere a tutti i servizi di Caf e Patronato di uno sportello fisico direttamente da casa e senza code.

Altri articoli che potrebbero interessarti

L'assegno unico non contribuisce alla definizione del reddito
Bonus

L'assegno unico fa reddito?

Una domanda che ci si tende a porre è se l’assegno unico costituisce una voce che contri in modo effettivo alla definizione del reddito.

Francesca Rizzi

21 febbraio 2024